Recensione: “L’Edicola del Futuro, il futuro delle edicole”. Il Giornalaio mette il dito nella piaga del crollo delle vendite dei giornali

Tempo fa, quando abitavo a Messina, c’era un vecchio edicolante in piazza Cairoli* all’incrocio tra via Santa Cecilia e il viale San Martino, in pieno centro, uno di quelli storici e per di più illuminati. Davanti al suo chiosco si raggruppava ogni giorno tutta una variegata comunità di lettori di quotidiani che commentava i fatti principali, e Ciccio l’edicolante interveniva, correggeva, annuiva: era preparatissimo sulle notizie nuove e sulle vecchie, mi sono sempre chiesto quanti giornali riuscisse a leggere e a sfogliare ogni mattina. Quando morì, fu un brutto colpo: ricordo i tanti necrologi a lui dedicati, a tutti sarebbe mancato quell’appuntamento da Ciccio alle 6/7 del mattino, che lui moderava con sapienza.

Chissà se “le edicole del futuro” saranno anche così, e condivido certo la preoccupazione di Pier Luca Santoro, aka “il Giornalaio” (qui il suo blog), su quella che rappresenta una delle reti di vendita italiane (circa 30mila esercizi), tanto grande quanto trascurata. Non esiste un reale censimento, non si sa se queste edicole sono grandi o piccole, gli edicolanti non possono scegliere quali giornali vendere (e non esistono dati di vendita omogenei a livello nazionale) e vengono letteralmente ignorati dagli editori. Insomma, quando ci si chiede il perché del crollo di copie dei cartacei, almeno una delle risposte dovrebbe prendere in considerazione il tema delle edicole.

Il Giornalaio passa in rassegna – anche grazie a un’esperienza personale da edicolante – questa realtà, sottolineando una serie di problemi dei quali non si parla mai né a livello di editori, né a livello di categoria giornalistica, prospettando un’unica via d’uscita, ovvero la digitalizzazione. L’ebook si legge in un soffio, ma solleva tante questioni che andrebbero affrontate ai piani alti dell’editoria (sempre che ai piani alti interessi diffusamente affrontare il problema a 360 gradi).

 

* Ho corretto, grazie alla segnalazione di un amico: l’edicola di Ciccio Previti non era in piazza Cairoli, ma all’angolo tra Santa Cecilia e viale San Martino🙂

Leave a comment

Filed under Recensioni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s