spunti e archivio di +1, le cose più interessanti di google plus

mi aggiungo in coda alla pletora di commentatori che parlano di google+ (o google plus).

La sezione “spunti” ha grandi potenzialità, ma bisognerà vederne i meccanismi. Se funzionasse come le tendenze di twitter, pescando però anche dai contenuti di google, potrebbe sfondare.

Spunti – Mettiamo il caso della manovra del governo o del mezzo crac in borsa dell’italia. Se i temi sono i più taggati, su twitter avremo il classico flusso frenetico di tweet uno dopo l’altro e nel mucchio magari capita anche roba interessante. Google invece potrebbe dare alle faccende una risposta più organica, sfruttando I centimetri di pelle nuda portano click (secondo usabile.it)tutti i contenuti che di per sé monitora sul web, a prescindere dal fatto che il singolo utente li tweetti o meno.

+1 – il pulsantino del quale a fatica si riusciva a misura l’utilità finora, diventa in google+ un oggetto straordinardio, perché la piattaforma social ricorda tutti i +1 segnati dall’utente e questa memoria si traduce in un archivio personale degli articoli più interessanti, quelli che ogni tanto uno dice “questo sarebbe da conservare”. Il +1 visto da questa angolazione risolve il problema del livestream permanente che ormai il web è diventato, a fatica dando chance di crearsi una specie di archivio. Usiamo bene il +1 e dopo un po’ di tempo ci ritroveremo una biblioteca 2.0 (altro che l’onanista anobii)

 

Leave a comment

Filed under letti sul web

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s