digital relations e giornalisti 2.0

Leggevo i consigli per l’uso di twitter segnalati dal blog sempre pregno del giornalaio. Non mi esaltano per nulla, anzi direi che forse dicono cose un po’ scontate. Chiarezza dei contenuti e dialogo con i lettori, sono pilastri del giornalismo vecchi quanto il monolite di odissea nello spazio.

Una cosa però mi è chiara, e questi consigli lo confermano: la comunicazione broadcasting non è più il monarca assoluto dell’informazione, ma ora deve fare i conti con il “many to many”, basta contare quanti sono quelli che leggono articoli clickandoli dai social.

Ciò però vuol dire anche interazione con i lettori, quindi digital social relations. Le redazioni oggi dovrebbero avere giornalisti addetti alle digital relations: dovrebbero investire sul personale che dialoghi ininterrottamente con i lettori. Cosa questa, possibile sono per chi numeri all’altezza, non certo per il giornalino della parrocchia. I giornali dovrebbero assumere (o recuperare esuberi) e i giornalisti dovrebbero essere più competenti in digital relations

Leave a comment

Filed under letti sul web

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s