Pasquetta dentro le mura, a migliaia nei musei

Il maltempo si vedeva dal mattino, così forse con una punta di rassegnazione i bolognesi si erano già abituati all’idea di una Pasquetta low profile. Pranzo in casa di amici o magari in agriturismo, e basta così. A cambiare i programmi di molti ci si è messo il meteo, per la verità non facilmente prevedibile, che ha regalato un pomeriggio di sole inaspettato sotto le Due Torri, e un tutto esaurito in centro. Una Pasquetta che per moltissimi si è consumata dentro le mura, in fin dei conti, con la chiosa della giornata fatta di “vasche” in piazza Maggiore e cono gelato per addolcire la passeggiata. Degli auspicati diecimila turisti, qualche centinaio ha percorso le stesse vasche dei bolognesi, e certamente non in pochi hanno scelto le strade dei musei. Il “quantum” è difficile a dirsi. Dalla biglietteria del Mambo, ad esempio, fanno notare che sì, «c’era molta più gente rispetto ai normali giorni di festa come le domeniche ». Turisti o bolognesi? Più di mille? Più di duemila? «Beh, più di mille certamente – rispondono – ma duemila forse sono troppi. C’era gente di ogni tipo, e sono arrivati soprattutto nel pomeriggio: bolognesi, stranieri, o magari anche persone venute da città vicine che hanno passato la giornata qui a Bologna». All’Archeologico ne hanno contati oltre mille.
Non c’è stato un boom di viaggiatori, sia pure mordi e fuggi, ma neppure un flop, un po’ come la storia del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno. «E’ molto prematuro fare bilanci – avvisa Celso De Scrilli, presidente di Federalberghi, e autore nei giorni scorsi di quella previsione sui diecimila vacanzieri in arrivo per il ponte pasquale – Nei prossimi giorni proveremo a tirare la somme. Sicuramente si tratta di persone che sono venute qui per visitare Bologna, e quindi è un tipo di turismo che si aggancia al concetto di città d’arte, che noi da tempo cerchiamo di sostenere».
Il beltempo sbocciato a sorpresa nel pomeriggio è stato il motivo principe per cui le strade si sono riempite di gente. Tra persone a passeggio sotto i portici e altre di stanza sul crescentone, sicuramente qualche migliaio di avventori il pomeriggio di ieri l’ha passato in centro. Insomma, low profile, ma mica tanto questa Pasquetta dentro le mura.

Advertisements

Leave a comment

Filed under letti sul web

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s