Ai prof precari contratti da “esperti”

Una sperimentazione nel Bolognese esiste già: precari che non hanno ottenuto la cattedra, sono stati ripescati come “esper ti” per insegnare in alcuni istituti tecnici della provincia. «È la fine del mestiere di professori – dice Matteo – Oggi i precari sono circa un migliaio, in certe scuole arrivano a rappresentare anche il 60% dei docenti e se passa questa riforma dal prossimo anno lavoreranno a prestazione d’opera ». Usa la terza persona plurale Matteo, ma è un precario anche lui. Insegna italiano e storia alle superiori e sfila al corteo insieme a Edoardo, che lavora alle medie. Hanno una carriera fotocopia: ogni hanno l’incarico al fotofinish, e non è detto che la cattedra venga assegnata piena, ogni anno un istituto diverso, ogni anno pure la paura di dover restare fermi perché non c’è spazio per tutti. Dice: «Non c’è un mercato del lavoro per gli insegnanti. E da settembre corriamo tutti il rischio di perdere anche quel poco di buono che c’è nel nostro contratto». Diventeranno “esper ti”, consulenti, senza contributi, né malattia retribuita: una busta paga da 700 euro al mese per 20 ore settimanali, che però diventano 24 perché l’ora “scolastica” è di 50 minuti. «La riforma taglia circa cento ore di insegnamento all’anno – avvisa – Se si fa meno lezione, si ha bisogno di meno personale. Ecco cosa ci aspetta». Il corteo degli studenti rallenta, il furgone si ferma, lui sale e prende il microfono. «Non dobbiamo collaborare nell’applicazione di questa riforma, che ancora non è in vigore ma va approvata in Parlamento – grida – Bisogna attuare una disobbedienza civile, avere una posizione ferma, perché capiscano che non possono andare avanti in questa direzione».

Leave a comment

Filed under letti sul web, vecchi articoli su l'informazione - ildomani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s