Mutui a picco, raddoppiano gli insolventi

Raddoppiano le insolvenze rispetto all’anno scorso. Non siamo certo ai livelli degli Stati Uniti, ma il dato è singolare. L’ultima rilevazione segna la barra dei mutui non pagati al 2%, mentre l’anno scorso era all’1%. D’altro canto invece l’erogazione di prestiti per acquisto di immobili è diminuita del 13% (da 56 a 49 miliardi). Le banche chiedono più garanzie prima di dare credito e le famiglie in questo periodo spesso possono offrirne meno che in passato. Quel 13% in meno di mutui erogati incide quindi in maniera consistente sulla crisi del mercato immobiliare. Lo stesso mutuo in realtà in certi casi diventa anche più costoso rispetto al passato, e le famiglie a reddito basso oggi temono più la perdita del posto di lavoro, tralasciando la preoccupazione per l’acquisto di una casa. E’ chiaro comunque che se i finanziamenti da parte degli istituti di credito fossero più accessibili, il mercato risenterebbe di benefici e si determinerebbe un aumento del volume di affari. Ipotesi comunque difficile con il perdurare della crisi.

Leave a comment

Filed under letti sul web, vecchi articoli su l'informazione - ildomani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s