Mercato immobiliare, la crisi rallenta

Una notizia è buona: la crisi rallenta. Ma l’altra è cattiva: ripresa solo nel 2011, e non il prossimo anno come qualche operatore aveva ventilato. Parola di Nomisma, che ha diffuso i dati sull’andamento del mercato immobiliare a Bologna e nel resto del Paese. Il segno “meno” è praticamente una costante su tutti i valori considerati. Calano le compravendite ma anche le locazioni, scendono i prezzi e spesso anche la domanda. Dimiscuono gli investimenti per la costruzione di immobili, sia pubblici che privati, e in picchiata sono pure i mutui perché le banche chiedono più garanzie prima di erogarli. Aumentano soltanto i tempi, che si allungano tanto per gli acquisti quanto per gli affitti.

I dati più aggiornati sull’area bolognese, che risalgono a lunedì, non sono positivi. Secondo l’Agenzia del Territorio, nel terzo trimestre 2009 le compravendite in città sono scese del 4% e in tutta la provincia del 15% rispetto allo stesso periodo del 2008. Per non parlare di immobili a uso commerciale, precipitati del 37%, anche se in quest’ultimo caso <è un dato da prendere con le pinze – come specificano da Nomisma – visto che numericamente sono molto pochi rispetto alle altre tipologie di compravendite>.

Il mercato bolognese in ogni caso è sostanzialmente in linea con quello nazionale, con una congiuntura negativa che sta proseguendo inesorabilmente anche nel secondo semestre del 2009.

Leave a comment

Filed under letti sul web, vecchi articoli su l'informazione - ildomani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s